Digital CFO

Credit Intelligence & Check-up d'Impresa

Digital CFO è sinonimo di credit intelligence e check-up d’impresa:

un insieme di tool di analisi finanziaria aziendale per gestire in modo semplice e intuitivo il rapporto banca/impresa, ottimizzare la finanza aziendale e rispondere alla normativa (L.155/2017) che impone alle aziende di dotarsi di un assetto organizzativo idoneo a rilevare tempestivamente i sintomi di crisi. Guarda il video

Con Digital CFO puoi:

Analizzare automaticamente la centrale rischi di Banca d’Italia

per ottimizzare il rating creditizio, ottenere suggerimenti per migliorare il rapporto banca impresa, risparmiare oneri e interessi finanziari, individuare errori nelle segnalazioni delle banche, monitorare sconfinamenti, garanzie personali e societarie, cartolarizzazioni, factoring attivi e passivi.

Calcolare lo score del medio credito centrale per ottenere nuovi finanziamenti garantiti dallo stato

per conoscere in anticipo l’esito della domanda di accesso alla garanzia del medio credito centrale e ottenere la valutazione sui singoli fattori che influenzano l’esito della domanda, anche con specifico riferimento alle garanzie di stato del Decreto Cura Italia.

Calcolare il budget di tesoreria e analizzare i flussi di cassa prospettici

Il budget di cassa assicura una visione aggiornata sui flussi di cassa futuri e consente di individuare per tempo l’evoluzione delle disponibilità liquide per trovare soluzioni con largo anticipo.

Calcolare il Debt Service Coverage Ratio (DSCR)

Digital CFO calcola il DSCR a 6 e 12 mesi: il valore di questo indicatore è fondamentale per ottenere nuovi finanziamenti dalle banche. La sua positività indica che l’azienda sarà in grado di restituire il prestito.

Istituire un sistema di allerta

per rilevare tempestivamente i potenziali sintomi di crisi, come richiesto dalla legge 155/2017. Il sistema di allerta analizza a 360° tutte le macro aree aziendali ed è conforme alla severa normativa ISA 570 sulle prospettive di continuità aziendale: le analisi contenute nel relativo report firmato elettronicamente consentono di integrare facilmente la sezione sui rischi della nota integrativa di bilancio e diventano un documento fondamentale per sollevare amministratori e imprenditori da responsabilità verso terzi in caso di dissesto societario.

Conoscere e analizzare le performance economiche, finanziarie e patrimoniali dell’azienda con il modulo Key Performance Indicators (KPI)

per migliorare i margini aziendali, confrontarsi con i competitor e dimostrare a banche, clienti e fornitori il proprio status.

Verificare periodicamente gli indicatori della crisi previsti dalla legge 155/2017 al fine di evitare future segnalazioni all’OCRI

A partire da settembre 2021 revisori, agenzia entrate, agente riscossore, inps e istituti di credito avranno l’obbligo di segnalare all’Organismo per la Crisi d’Impresa quei soggetti che presentano segnali che indicano l’inizio di una possibile crisi aziendale. Verificando periodicamente in anticipo gli indicatori di legge sarà possibile evitare le segnalazioni e le relative conseguenze, che vanno dal commissariamento temporaneo dell’azienda alla messa in liquidazione.